Triduo Anniversario Beatificazione di Madre Antonia

Cerca nel sito

banner EVENTI

Ultimi eventi

Ultime notizie

Triduo Anniversario Beatificazione di Madre Antonia

Mercoledì, 27 Settembre 2017 11:44

Condividiamo ciò che ci appartiene: il canto che nasce dalla speranza (Papa Francesco, omelia 2 febbraio 2107)

Celebriamo il prossimo anniversario meditando le lettere di Madre Antonia di cui, quest'anno, ricorre il bicentenario 1817-2017.

Madre Antonia è la prima firmataria di questa lettera, ma fin dall'inizio ella tiene a sottolineare il noi: si avverte fortemente il senso della comunità sia quando parla a nome proprio o di altre.

 

 

Venerdì 29 settembre 2017 - I giorno

LETTERA del 20 febbraio 1817 a Mons. Giuseppe Maria Grimaldi Antonia Maria Verna, Scritti, a cura di padre Sabatino Majorano, pag. 39

 

Madre Antonia è la prima firmataria di questa lettera, ma fin dall’inizio ella tiene a sottolineare il noi: si avverte fortemente il senso della comunità sia quando parla a nome proprio come a nome di varie altre, senza stare a rimarcare le differenze di provenienza. Senza troppi preamboli le sottoscritte indicano lo scopo della loro richiesta: desiderose di ritirarsi dal mondo … rendersi utili al mondo ed esprimono concretamente la maniera per realizzare il loro desiderio con un duplice fine: attendere alla propria perfezione e alla cristiana e domestica educazione delle zitelle. Inoltre è manifestata l’intenzione di acquistare in Rivarolo una casa idonea allo scopo che esse si propongono. Si sottomettono di fare un fondo capitale: non posseggono né capitali, né beni immobili, non hanno assolutamente nulla, se non la ferma determinazione ad impegnarsi con tutte le loro forze per la realizzazione del loro progetto.  Degno di nota è il senso di rispetto per la popolazione, degna di riguardo, che lascia trasparire il profondo rispetto per la dignità di ogni uomo, fatto a immagine e somiglianza di Dio.

Il non essere del mondo, ma nel tempo istesso rendersi utili al mondo comporta come prima cosa essere pienamente immersi in esso, vivendo la solidarietà con ogni fratello e sorella, condividendo gioie e dolori, angosce e soddisfazioni del vivere quotidiano. Dopo aver concretamente pensato alla realizzazione del proprio intento, le firmatarie progettano la loro futura sussistenza con una particolare sottolineatura sulla povertà: è facile comprendere che per loro è immensa la fiducia nella superna Provvidenza.

Sembra che l’unica cosa che loro interessi sia il vivere da povere tra i poveri … Infatti, ribadita la necessità dei voti religiosi, ferma rimanendo la base dei tre voti, esse si affidano alle decisioni del Vescovo circa la scelta dell’istituto religioso da abbracciarsi e le particolari costituzioni.

Consapevoli di essere inserite per il Battesimo in una Chiesa locale, esse confidano nell’aiuto spirituale e materiale dei due Parroci del luogo e non esitano a proporre anche il nome del sacerdote che il Vescovo potrebbe designare a tale scopo.

La chiusura della lettera rivela ancora il profondo rispetto per l’autorità ecclesiastica, non sono parole di circostanza, ma sono dettate dalla convinzione che monsignor Vescovo, da buon pastore, pieno di zelo per le anime, favorirà, nel rispetto delle leggi canoniche, il loro desiderio.

LETTERA del 20 febbraio 1817 a Mons. Giuseppe Maria Grimaldi Antonia Maria Verna, Scritti, a cura di padre Sabatino Majorano, pag. 39

A fondamento di ciò che Madre Antonia e le sue prime compagne hanno scritto, ci sono alcune espressioni che ci richiamano la Parola di Dio. Ne ricordiamo alcune, ma potrebbero essercene altre.

 

Fondamento biblico

Gesù si ritirava in luoghi solitari a pregare.  Lc 5,16

Non conformatevi alla mentalità di questo mondo, ma trasformatevi rinnovando la vostra mente … Rm 12,2

Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo, poiché invece non siete del mondo, ma vi ho scelti io dal mondo, per questo il mondo vi odia.  Gv 15,19

[Gesù]: «Io non sono di questo mondo.  Gv 8,23

Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. Gv 17, 15-16

Dio ha tanto amato il mondo, da dare il Figlio unigenito.  Gv 3,16

Non abbiamo ricevuto lo spirito del mondo, ma lo Spirito di Dio per conoscere ciò che Dio ci ha donato.  1Cor 2,12

In lui ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità.  Ef 1,4

Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste.  Mt 5,48

Letto 773 volte Ultima modifica il Giovedì, 26 Luglio 2018 16:38

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Contatti

Suore di Carità
dell'Immacolata Concezione di Ivrea

Curia Generalizia

Via della Renella, 85 - 00153 ROMA
Tel. 06 5818145 - Fax 06 5818319 
Email: scicivrea@scicivrea.it

TWITTER

Papa Francesco
“Il Signore fu preso da grande compassione” (Luca 7,13). Il nostro Dio è un Dio di compassione, e la compassione è… https://t.co/cDW2DXWZRY
Papa Francesco
San Paolo chiede di pregare "per tutti quelli che stanno al potere" (Prima Lettera a Timoteo 2,2). Dobbiamo imparar… https://t.co/Mpn8cWBCio
Follow Papa Francesco on Twitter

Newsletter

Iscrivendoti alla nostra newsletter riceverai le ultime news e i contenuti aggiornati del nostro sito web. Potrai annullare la tua iscrizione in qualsiasi momento.

L'utilizzo dei cookie concorre al buon funzionamento di questo sito e favorisce il miglioramento dei servizi offerti all'utente. L'accesso ai contenuti del sito e l'utilizzo dei servizi implica accettazione dell'utilizzo dei cookie.